Sushi e Salmone

Da qualche anno ormai il sushi sta riscuotendo un enorme successo, tanto che la cucina giapponese è oggi tra le cucine “etniche” più amate dagli italiani.

Le ragioni di questo successo sono dovute in parte al fascino che la cultura giapponese esercita, in parte all’affermazione di una cucina sana, leggera e genuina, dove sushi e sashimi sono le preparazioni più richieste. Importato dai norvegesi negli anni ’80, il salmone è il protagonista indiscusso di questa cucina. Più della metà dei consumatori preferisce sushi con salmone.
Il salmone è una buona fonte di proteine, vitamine (vitamina B6, vitamina B12, tiamina, niacina), sali minerali (fosforo, selenio) e acidi grassi omega 3.

In particolare, 100 grammi di salmone contengono:
18,4 g di proteine
12 g di grassi
1 g di carboidrati
185 Kcal


Il fosforo è fondamentale per la salute di ossa e denti, il selenio favorisce il buon funzionamento degli antiossidanti cellulari.
La vitamina B6 stimola le funzioni cerebrali e previene l’invecchiamento, la vitamina B12 aiuta la produzione dei globuli rossi e la formazione del midollo osseo. La niacina (o vitamina B3) favorisce la circolazione e la digestione, e protegge la pelle. La tiamina infine (o vitamina B1) rilascia all’organismo l’energia indispensabile nella quotidianità.

Il salmone potrebbe contenere quantità irrisorie di metilmercurio: non vi sono quindi particolari controindicazioni al suo consumo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi